Vuoi essere ricco, davvero?


La ricchezza è un tema che appassiona la maggior parte delle persone, per l’intera esistenza, da millenni, senza mai perdere un minimo di importanza e di priorità.

In nome della ricchezza sono state combattute guerre, compiuti saccheggi, mistificato motivazioni religiose, sterminati interi popoli e commesse atrocità di ogni genere, pur di soddisfare la brama di qualche leader senza scrupoli.

Molti hanno perfino tentato rocambolesche rapine in banca, finite con l’arresto o l’uccisione dei rapinatori che credevano di aver escogitato il piano perfetto.

C’è anche chi, più pacificamente, tenta la fortuna a suon di scommesse, gioco d’azzardo e lotterie che finiscono per far perdere al povero illuso anche il poco denaro che possiede

Ma allora, se sono nato povero o non ricco, devo vivere per forza una vita mediocre?

Certo che no!

La storia dell’umanità racconta con una certa frequenza di uomini che partono dal nulla e diventano capitani d’industria: Leonardo Del vecchio (Luxottica) e Steve Jobs (Apple) sono solo alcuni esempi.

Quindi è assolutamente possibile diventare ricchi sfondati, a patto di definire prima cosa sia la ricchezza, distinguendo almeno tra due tipi: quella interiore e quella esteriore.

Quella esteriore è la ricchezza fatta di beni, denaro, possedimenti materiali e non sempre coincide con una vita felice, serena, soddisfacente. Anzi, spesso è esattamente il contrario e le persone, pur avendo accumulato grandi ricchezze, finiscono per non godersi nemmeno ciò che possiedono da quanto sono prese a continuare la loro corsa all’oro.

Quella interiore è legata alla capacità di vivere in armonia con la natura e con gli altri, perseguendo il senso di felicità inteso come accettazione consapevole della vita così come si presenta, senza dare troppo importanza a ciò che si ha ma a ciò che si è.

E allora?

Meglio ricchi e stressati o poveri e sereni?

Meglio Autorealizzati, ovvero, meglio ottenere il meglio che puoi facendo ciò che ti fa stare bene con te stesso, evitando di misurarti con gli altri e di giudicare la tua vita paragonandoti agli altri, preferendo come metro della soddisfazione i miglioramenti che ottieni rispetto ai tuoi risultati passati.

A questo punto non ti resta che decidere quanto vuoi essere ricco dentro e quanto fuori, per sentirti autorealizzato. Se vuoi sapere da dove partire, comincia a scoprire il Metodo Trasforma: sono sicuro che mi ringrazierai fin da subito perché apprenderai tecniche di altissimo valore, facili da mettere in pratica per ottenere tutto ciò che desideri nella tua vita personale e professionale.

Ezio Angelozzi

Business & Life Coach