IL BLOG DI EZIO ANGELOZZI | TRASFORMA®

Tre cose che devi sapere per controllare il tuo futuro

Il tempo non esiste

L’affermazione potrebbe lasciarti perplesso o incredulo e perfino pronto a smettere di leggere questo post, ma sei sicuro di sapere come andrà a finire e cosa potresti perdere se smetti di leggere?

La curiosità è un elemento molto interessante se parliamo di tempo, perché è il tentativo di anticipare una realtà futura, cercando di intuire come potrebbe manifestarsi.

Pensa a cosa ti succede quando qualcuno ti dice: “Ho una cosa importante da dirti ma adesso non è il momento”. Ammettilo, vorresti ucciderlo! In ogni caso, se davvero non te lo dice, continui a pensarci per giorni.

Ma perché ci tieni tanto a saperlo se neanche sai di che si tratta? E se è solo una cavolata senza importanza? (capita) Eppure, nonostante tutto diventi impaziente e l’attesa diventa logorante, a tal punto che un’ora sembra un giorno e un giorno una settimana.

Poi arriva il momento della rivelazione e, quasi sempre, scopri che non era niente di rilevante, niente che valesse la pena di stare in pensiero, resta il fatto che hai dedicato tempo ed energia a causa della curiosità, spostando la tua attenzione dal presente al futuro, magari distraendoti dalle cose da fare subito per focalizzarti su ciò che avresti potuto scoprire a distanza di poco tempo.

Passato, presente e futuro possono anche coincidere se sei disposto a seguire questo ragionamento.

Il tempo non esiste perché, al di là della misurazione convenzionale che ci porta a riferirlo agli orologi, è una percezione del tutto personale e situazionale.

Compreso questo, puoi decidere come far coincidere passato, presente e futuro della tua vita, predisponendo la tua mente a focalizzare l’attenzione solo su alcune cose per tutto il tempo che occorre a creare esperienze e ricordi.

Immagina di avere un computer con tanti video senza nome sul desktop e di iniziare ad aprirli a caso. Adesso immagina che si tratti solo di video in cui ti stai divertendo da solo o con gli amici: come ti farà sentire rivederli? Bene, vero? Ecco, la vita è esattamente come quel computer, più file belli immagazzini e più ne avrai a disposizione quando sogni o ricordi e quando devi agire nuovamente.

Facebook sta cercando, proprio da pochi giorni, di impadronirsi dei tuoi ricordi e di guidarti nel crearne di nuovi sfruttando la tecnologia dei visori 3D.

Facebook Spaces si preannuncia come il primo social media in realtà virtuale: già disponibile e scaricabile gratuitamente in versione beta tra le app di Oculus, il visore 3d indossabile come una mascherina e integrabile con alcuni smartphone.

Permette di creare un proprio avatar, anche del tutto inventato, e vivere un ambiente sì virtuale ma basato esclusivamente sul proprio account Facebook, realizzato grazie alle informazioni condiviso e sulla bacheca, vivendo interattivamente, in live connection con altri amici, foto e video a 360° postati (capito ora perché le semplici foto panoramiche vengono trasformate in foto sferiche?).

Non un semplice giochino innocuo. Per il cervello umano una esperienza “realistica”, ovvero che coinvolge i 5 sensi, è assimilabile a una esperienza reale: quando sogni di cadere o di essere inseguito da un cane che ti vuole mordere, ti svegli di soprassalto con tutte le manifestazioni fisiologiche di una situazione reale, compresi fiatone, tachicardia, sudorazione, paura.

Se ti creo un simulatore in cui la tua esperienza è perfino condivisa, quindi ancora più reale, visto che quando ne parleremo sarà come se l’avessimo vissuta davvero, a distanza di tempo questa esperienza entrerà nei ricordi a pieno titolo e finiremo per non distinguerla più dalla realtà.

Da qui ad arrivare ad estraniarci completamente dalla realtà ci vorrà ancora un po’…ma non troppo: più o meno lo stesso intervallo che ci è voluto dalla diffusione dei primi smartphone alla presa imperante di posizione dei social network sulle nostre vite, e questi plasmeranno (e si impossesseranno) il nostro futuro sul nostro presente.

Quindi, il segreto di un presente felice è aver creato, nel passato, un mindset felice, ovvero aver focalizzato la propria vita verso i significati positivi di ogni esperienza, cercando anche i “vantaggi paradossali” nelle esperienze che, di solito, sono negative: se ti rompi una gamba, puoi rimpiangere tutto ciò che non hai potuto fare per un mese o puoi approfittare per leggere tutti quei libri che hai comprato e non hai mai avuto il tempo di leggere.

Se vuoi un buon futuro, segui questi 3 consigli:

  1. Scegli bene cosa vuoi e cosa ti fa stare bene
  2. Vivi le esperienze in modo che ti lascino un buon ricordo
  3. Ricorda che oggi è il futuro di ieri e chiediti cosa hai fatto ieri che potesse essere di valore per oggi e di ispirazione per domani, ma soprattutto chiediti cosa puoi fare adesso per costruire il miglior mindset di oggi e di domani.

Un ultimo consiglio: stai lontano da qualunque cosa che possa influire sulla tua percezione della realtà!

Ezio Angelozzi
Trasforma Academy

EZIO ANGELOZZI

EZIO ANGELOZZI

Imprenditore ed esperto di marketing e vendita, formatore e coach specializzato grazie a oltre 20 anni di importanti collaborazioni con riconosciuti professionisti del settore; esperienza sfociata, nel 2000, nella fondazione, della Trasforma Academy

TRASFORMA ACADEMY

TRASFORMA ACADEMY

Scuola di Formazione che da 20 anni aiuta aziende e professionisti ad aumentare fatturati e moltiplicare utili

CONTATTACI

Compila il form e mettiti in contatto con Trasforma Academy!

@Trasforma Academy 2020 | Trasforma a brand of Asset S.r.l.S. p.iva 02077320683