[av_two_third first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
Quante cose ti stanno occupando la vita?
[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Di quante cose ti stai occupando? O meglio, quante cose ti stanno occupando la vita?

È ora di decidere cosa continuare e cosa lasciare ma, per prendere una decisione così importante, devi prima sapere 3 cose:

  1. Cosa è importante per te.
  2. Perché è importante per te.
  3. Come fai a sapere che è vero.

COSA È IMPORTANTE PER TE?

Figurati se non sai cos’è importante per te…

E allora, prendi un foglio e una penna e scrivi quali sono le 3 cose più importanti della tua vita, in ordine di priorità.

Immaginiamo tu abbia scritto cose come: i figli, la famiglia, il partner, il cane, la salute, i soldi…

Per farti capire quanto poco corrisponda al vero ciò che pensi, bastano poche domande:

Quanto tempo passi con queste persone o in queste attività?

Se fai l’elenco delle tue attività giornaliere misurandole in ordine di quantità di tempo impegnato, che posizione occupa quella che pensavi fosse la più importante?

Hai inserito te stesso nell’elenco? In che posizione? Se non ci sei, perché?

La maggior parte delle persone, di fronte a questi quesiti, va in crisi e si rende conto di dedicare la maggior parte del proprio tempo a qualcosa o qualcuno che considera poco importanti, e quasi niente a ciò che annovera nei primi posti della propria classifica. Per cui passa 8 ore al lavoro, 2 in macchina per andare e tornare.

Con i figli, invece, passa solo 1 ora, la sera, quando la stanchezza ha preso il sopravvento e non consente di essere davvero presenti e partecipi di racconti, richieste di attenzione, voglia di giocare. Poi, se riesce a non addormentarsi sul divano davanti alla tv, lascia un piccolo residuo per moglie o marito.

Questa cosa è dura da leggere e viene da chiedersi:

“Che devo fare, smettere di lavorare? Poi come campo la mia famiglia? Io lo faccio proprio per loro!”

PERCHÉ È IMPORTANTE PER TE?

Certo, nessuno penserebbe il contrario. Anzi, il più delle volte le persone fanno un lavoro che odiano pur di garantire alla propria famiglia un minimo di sicurezza economica, ma è qui che scatta la seconda domanda: perché queste persone o queste cose sono importanti per te?

Se la risposta ti sembra così ovvia, prova a scriverla sullo stesso foglio… non è così semplice spiegare perché un figlio o i soldi sono importanti, vero?

Non siamo abituati a dare risposte di questo tipo, siamo più allenati a darlo per scontato: “i figli so’ piezz ‘e core” e “i soldi non fanno la felicità ma servono per mangiare”. Pensandoci, però, vale la pena farsi qualche domanda e rifletterci qualche minuto… o qualche ora.

Generare un figlio non è la conseguenza naturale di una coppia che si ama o che si sposa (non necessariamente le due cose vanno insieme), dovrebbe essere una scelta consapevole, accompagnata da un senso di amore e responsabilità per la nuova vita. Solo che poi passiamo più tempo a scegliere un nome imbarazzante che a imparare come fare i genitori.

La stessa cosa vale per il denaro: ne vorremmo a tonnellate ma è più facile guardare la tv che studiare un metodo per guadagnare di più ed essere indipendenti e soddisfatti, liberandosi anche un bel po’ di tempo da dedicare alle persone che amiamo.

Ma se ce ne occupiamo così poco, perché diciamo che sono importanti? Temiamo che “gli altri” ci prendano per pazzi se dicessimo il contrario, quindi non possiamo dire che non lo siano o che lo siano meno di quanto è “opportuno” dire?

COME FAI A SAPERE CHE È VERO?

La terza domanda è quella che fa più vittime, perché quasi nessuno mette sé stesso nella lista o si pone in fondo, rispondendo al cliché dell’altruismo a tutti i costi che stride con la realtà e che fa a cazzotti anche con il religiosissimo “ama gli altri come te stesso”. Ecco, appunto, te stesso.

No, non è un inno all’egoismo, è solo la sincera considerazione dei fatti, la serena analisi del fatto che ci occupiamo di troppe cose e che siamo diventati incapaci di dire NO.

Forse è arrivato il momento di dire basta… non credi?

Riflettici un po’ e, se ti va scrivi le tue conclusioni nei commenti.
[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′]

[av_contact email=’contatti@trasforma.net’ title=’Vuoi saperne di più? SCRIVICI, ti daremo tutte le informazioni di cui hai bisogno’ button=’INVIA’ on_send=” sent=’Risponderemo presto alle tue richieste, intanto abbiamo appena inviato un’email all’indirizzo da te inserito.

Controlla la tua posta per ottenere un nosto regalo di benvenuto!

Verifica che il messaggio non sia finito nella cartella Spam o in quella delle Promozioni.

Un saluto dal team della Trasforma Academy’ link=’manually,http://’ subject=’blog: ragione’ autorespond=’Eccoci,
Ti ringraziamo per averci contattato, a breve ti daremo le risposte che cerchi, intanto vogliamo accoglierti nella Trasforma Academy con alcuni nostri materiali gratuiti: sono il nostro regalo di benvenuto per te!
CLICCA QUI per ricevere il videocorso “IL METODO TRASFORMA”
oppure
CLICCA QUI per ricevere il report “IL CODICE DELL’INTENSITÀ”

Buona visione, buona lettura…. BUONA TRASFORMAZIONE
Un saluto,
Il team della Trasforma Academy

===============
www.trasforma.net
===============
==============================================================================================================
Ci impegniamo ad inviare sempre mail utili e di valore, ma se per qualsiasi ragione non vuoi più ricevere i nostri materiali o le nostre comunicazioni, nessun problema, puoi comunicarcelo all’indirizzo contatti@trasforma.net per essere rimosso dalla nostra lista e non ricevere più email.
=============================================================================================================
‘ captcha=” hide_labels=’aviaTBhide_labels’ form_align=” color=”]
[av_contact_field label=’Nome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cognome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’E-Mail’ type=’text’ check=’is_email’ options=” multi_select=” width=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cosa vuoi sapere?’ type=’textarea’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Dichiaro di aver letto l‘informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali’ type=’checkbox’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[/av_contact]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=”][/av_social_share]

[/av_two_third][av_one_third min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_sidebar widget_area=’myWidget’]
[/av_one_third]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *