[av_two_third first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
Come uscire vivi dal genocidio digitale
[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

È una strage, un’epurazione, un genocidio digitale che sta uccidendo freddamente un’intera generazione di commercianti, nel più assoluto silenzio.

Sembra tutto bello, facile e veloce il mondo dell’e-commerce. Siamo tutti felici quando arriva il corriere con il pacco dritto a casa e lo scartiamo come fosse il giorno di Natale (forse anche per questo alcuni corrieri hanno le divise rosse).

Ma come, io non ho pagato le spese di spedizione, com’è possibile che arrivi tutto a casa? L’omino con il furgoncino che porta il pacchettino lavora gratis? Oddio… proprio gratis no, ma non siamo molto lontani.

Magari qualcuno lo trova anche divertente e molti lo sottovalutano ma, se sei nel business, ti conviene smettere di ridere e darti una svegliata, perché in questa guerra non si fanno prigionieri: o sei dentro o sei morto.

Per cui, a meno che tu non sia un fenomeno controcorrente (di quello parleremo un’altra volta), tieniti forte e leggi attentamente.

COME USCIRE VIVI E VINCENTI DAL GENOCIDIO DIGITALE

La velocità del web ha cancellato molte aziende, molti professionisti e interi settori. C’è ancora qualcuno che crede sia un problema delle piccole aziende, tipo il negozio di scarpe cancellato da Zalando o del pub cancellato da McDonalds. Invece, che vi piaccia o no, cadono anche i grandi sotto i colpi del web marketing, e il caso Toys-R-Us è emblematico.

Il numero uno al mondo dei giocattoli ha dichiarato bancarotta, richiedendo la procedura di fallimento assistito per far fronte a un debito di 400 milioni di dollari in scadenza il prossimo anno. Le cause? Amazon e la sua fulminea rivoluzione nel modo di acquistare e vendere.

Ma come è possibile che non se ne siano accorti e che non abbiano fatto nulla per non farsi mandare sul lastrico? È possibile che una grande azienda si faccia sorprendere in questo modo? Evidentemente sì.

Ora, conoscendo il funzionamento delle aziende e certi “giochetti”, possiamo anche dedurre che abbiano deciso di arrivare a questo punto intenzionalmente per motivi di strategia fiscale, o per negoziare sul piano sindacale in modo più comodo: in fondo parliamo di un colosso da 65000 dipendenti e 1600 negozi nel mondo. Ma, se guardiamo al mercato senza andare a cercare risvolti complottisti, dobbiamo almeno chiederci perché il leader mondiale dei giocattoli non ha anticipato tutti, lasciando tanto spazio a un’altra azienda.

La risposta è che Toys-R-Us era talmente impegnata a fare sé stessa che non ha trovato il tempo e la lucidità per fare Amazon, o qualcosa di meglio di Amazon.

Spesso, soprattutto quando le cose ci vanno bene, abbiamo la sensazione di “essere arrivati” e che nessuno potrà toccarci. Questa sorta di allucinazione, mista a senso di onnipotenza, fa pronunciare la famosa frase killer: “Abbiamo sempre fatto così, perché cambiare?

Il fallimento di Toys-R-Us è un ottimo motivo per cambiare!

Nel nostro lavoro, incontriamo e collaboriamo continuamente con nuove aziende e nuovi partner, e la cosa che ci interessa di più è la loro propensione all’innovazione; perché se non c’è quella è molto robabile che restino sul mercato ancora per poco tempo.

Presente e futuro sono sempre più vicini e il tempo dell’azienda statica è finito da un bel po’, quindi ti conviene iniziare a pensare in modo nuovo, a uscire dal guscio e andare a cercare nuove ispirazioni.

Se vuoi essere protagonista del prossimo futuro ti conviene iniziare subito a fare

3 COSE MOLTO IMPORTANTI

  1. Scegli con attenzione le tue relazioni. Parla e condividi tempo, interessi e informazioni con persone aperte, intelligenti e molto pratiche, che passano all’azione dopo aver filosofeggiato. Scegli persone che ti stimolano e che ti entusiasmano e lascia perdere i pessimisti e i lamentosi, altrimenti faranno perdere anche te.
  2. Leggi, studia, approfondisci. Devi essere presente nel mondo in cui vivi e sapere bene come vanno le cose; lascia perdere i telegiornali ma confronta i pareri di persone competenti e fatti una tua idea del mondo e di cosa è giusto fare per la tua autorealizzazione. Frequenta corsi, studia i casi degli imprenditori visionari, compra magazine come Wired, guarda video di qualità come quelli di TEDx. Insomma, nutri il cervello solo con del cibo molto raffinato.
  3. Sperimenta, conosci e fai cose nuove. Gli umani imparano soprattutto attraverso l’esperienza e se resti nell’ambito di ciò che conosci sarai sempre ciò che sei.

 Einstein ha detto:

“Un problema non può essere risolto allo stesso stato di consapevolezza a cui è stato creato”.

Non sappiamo che effetto ti faccia questa affermazione ma noi l’abbiamo sempre tenuta in grande considerazione, ed è per questo che ci spingiamo sempre in nuove esperienze e nuove occasioni di conoscenza.

L’unica difesa dalla minaccia di ciò che cresce fuori dalla nostra vita è far crescere di più ciò che c’è dentro di noi. Il futuro premierà solo l’eccellenza e cancellerà la mediocrità. Ciò che rimane da sapere è: quando arriverà il tuo turno, da che parte sarai?
[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′]

[av_contact email=’contatti@trasforma.net’ title=’Vuoi saperne di più? SCRIVICI, ti daremo tutte le informazioni di cui hai bisogno’ button=’INVIA’ on_send=” sent=’Risponderemo presto alle tue richieste, intanto abbiamo appena inviato un’email all’indirizzo da te inserito.

Controlla la tua posta per ottenere un nosto regalo di benvenuto!

Verifica che il messaggio non sia finito nella cartella Spam o in quella delle Promozioni.

Un saluto dal team della Trasforma Academy’ link=’manually,http://’ subject=’blog: genocidio’ autorespond=’Eccoci,
Ti ringraziamo per averci contattato, a breve ti daremo le risposte che cerchi, intanto vogliamo accoglierti nella Trasforma Academy con alcuni nostri materiali gratuiti: sono il nostro regalo di benvenuto per te!
CLICCA QUI per ricevere il videocorso “IL METODO TRASFORMA”
oppure
CLICCA QUI per ricevere il report “IL CODICE DELL’INTENSITÀ”

Buona visione, buona lettura…. BUONA TRASFORMAZIONE
Un saluto,
Il team della Trasforma Academy

===============
www.trasforma.net
===============
==============================================================================================================
Ci impegniamo ad inviare sempre mail utili e di valore, ma se per qualsiasi ragione non vuoi più ricevere i nostri materiali o le nostre comunicazioni, nessun problema, puoi comunicarcelo all’indirizzo contatti@trasforma.net per essere rimosso dalla nostra lista e non ricevere più email.
=============================================================================================================
‘ captcha=” hide_labels=’aviaTBhide_labels’ form_align=” color=”]
[av_contact_field label=’Nome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cognome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’E-Mail’ type=’text’ check=’is_email’ options=” multi_select=” width=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cosa vuoi sapere?’ type=’textarea’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Dichiaro di aver letto l‘informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali’ type=’checkbox’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[/av_contact]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=”][/av_social_share]

[/av_two_third][av_one_third min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_sidebar widget_area=’myWidget’]
[/av_one_third]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *