[av_two_third first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
Come aumentare la tua influenza sul mondo
[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Una mattina ti svegli, fai la doccia, una bella colazione, guardi il telefono e vedi questa notizia: “Mark Zuckerberg è sceso ufficialmente in politica (e ha anche uno slogan)”.

 
Per chi non lo sapesse, DACA sta per Deferred Action for Childhood Arrivals, e indica il provvedimento esecutivo del presidente Obama con cui, a partire dal 2012, i giovani giunti irregolarmente coi genitori negli Stati Uniti, da minorenni, hanno avuto accesso a uno status di immigrati regolari.
 
Detta così sembra una buona notizia, appare come l’atto filantropico di un miliardario che, essendo proprietario del più potente asset mondiale di informazione, disinformazione e manipolazione di massa, scende in campo per dare il suo contributo alla politica.
 
Chissà perché ci sembra di aver già sentito qualcosa del genere e, se non ricordiamo male, subito dopo iniziò la discussione sul conflitto di interessi…
 
Se fossi al posto di Zuckerberg, tu non lo faresti? Non ti piacerebbe “dare una mano” al popolo sovrano mentre cerca di farsi un’opinione su questioni di Stato?
 
Se ci metti un pochino di onestà, la risposta è sì, a meno che tu faccia parte di quella minoranza che ha un’etica incrollabile, per cui sei anche povero. Economicamente parlando, quindi fai presto a dire no.
 
Ma cosa vuole davvero Marc Zuckerberg? Perché non si “accontenta” di continuare a fare qualche miliardo all’anno e vivere alle Maldive tutta la vita?
 
La verità è che, quando hai influenza, non ti basta mai!
 
Sì, più o meno come i soldi: chi ha il potere di influenzare i pensieri e le decisioni di grandi masse di persone, è terrorizzato dall’idea di veder affievolire o di perdere tanta forza, quindi continua ricercarne quantità sempre maggiori.
 
Chiediti come mai uno dei lavori più pagati è più richiesti sul pianeta è proprio quello dell’influencer, chiediti come mai multinazionali di ogni settore coprono di denaro dei ragazzotti e delle giovanotte di 20 anni solo perché hanno centinaia di migliaia di follower sui social (cosa che, fino a pochi anni fa, neanche si poteva immaginare).
 
Il quadro è chiaro e ben definito: il presente e il futuro sono fatti di influenza.
 

Allora eccoti tre consigli gratuiti per migliorare la tua influenza.

 
  1. Diventa autorevole in un settore, anzi, in una nicchia di quel settore; impara, sperimenta, entra in relazione con i migliori player, intervistali e inizia a scriverne e a parlarne sui social in modo semplice ed efficace.
  2. Scrivi un libro, un e-book o un report che porti in copertina il tuo nome e la tua bella faccetta sorridente, così da “autocertificare” la tua competenza e, se ci riesci, cerca di avere degli endorsement da qualcuno molto più noto e qualificato di te su temi correlati ai tuoi (imprenditori, consulenti, giornalisti).
  3. Apri un blog, un canale You Tube e una pagina Facebook per divulgare le tue pillole di intelligenza e inizia a creare una community di persone che ti seguono e che potranno diventare tuoi futuri clienti.
 
ATTENZIONE: ti diamo il quarto consiglio gratuito: struttura una mentalità potente.
 
Se vuoi avere un’idea di come fare, scarica gratuitamente il videocorso Il Metodo Trasforma e scopri come conoscere meglio e sfruttare il tuo potenziale.
 

scopri_metodo_trasforma

Ezio Angelozzi

Business & Life Coach

[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=”][/av_social_share]

[/av_two_third][av_one_third min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_sidebar widget_area=’myWidget’]
[/av_one_third]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *