[av_two_third first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
Business e creatività
[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]


Il business ha lo scopo di fare profitto e tutti sappiamo che il denaro è visto come un “elemento freddo”, così come i ricchi sono considerati cinici e spietati.

Ma cosa distingue le persone di successo da quelle che passano la vita a risolvere problemi? Sembra che una parte importante delle loro fortune dipenda dalla capacità creativa, mentre il resto risiede in alcune abitudini particolari. La creatività ha reso famosi grandi artisti ed eccellenti imprenditori, con una differenza sostanziale.

Gli artisti finiscono quasi sempre in miseria, dopo vite dissennate che si concludono con malattie mentali e suicidi (vedi Modigliani, Van Gogh, Jimi Hendrix, Hemingway).

Gli imprenditori, al contrario, basano le loro vite da nababbi proprio sulla capacità di creare nuovi business e prodotti molto originali, lasciando grandi fortune ai loro eredi.

Secondo diversi studi condotti da importanti università europee ed americane, sembra che tutta la differenza stia in un fattore genetico.

Gli artisti creano dal nulla idee uniche ed originali e ciò sembra dipendere da un gene che accomuna la creatività e la schizofrenia, il più delle volte ereditario.

I businessman di maggior successo, da Henry Ford fino a Elon Musk, non creano idee e oggetti dal nulla ma innovano prodotti e servizi esistenti, rendendoli più “sexy” per i consumatori.

L’altra fondamentale distinzione, quella su cui possiamo intervenire per tentare di diventare più ricchi, sembra legata a tre abitudini che separano ricchi e poveri.

I “poveri” mortali di solito mettono in atto

3 comportamenti disfunzionali da evitare

1: SONO ABITUDINARI
La famosa canzone di Fantozzi inizia con le parole “Sveglia alle 6, barba e caffè…”, una routine tanto certa quanto tediosa, che dipinge l’inizio di una giornata come tutte le altre. Per alcuni è rassicurante ma per chi punta in alto è terrorizzante.
2: NON SI METTONO IN DISCUSSIONE
Avere convinzioni troppo rigide porta inevitabilmente a fare le cose nel modo in cui si sono sempre fatte e fa apparire “strano” e minaccioso tutto ciò che è difforme. Le tradizioni hanno il loro fascino, ma se tutti ragionassero così staremmo ancora nelle caverne senza neanche il fuoco: troppo innovativo!
3: TEMONO IL GIUDIZIO DEGLI ALTRI
Fare qualcosa di nuovo ci espone ad essere giudicati “diversi”, quindi ad essere allontanati e gli umani associano l’allontanamento alla morte, per cui essere abbandonati rimane una delle paure più potenti che si possano attivare nella mente umana.

Quindi i poveri mortali si guardano bene dal provare a fare cose nuove, proprio per evitare di sbagliare ed essere giudicati inadeguati.

Mentre il resto del mondo perde tempo a replicare le giornate e a cercare di piacere agli altri, gli dei del business fanno tutt’altro, per cui,

se vuoi diventare ricco e famoso, i comportamenti più efficaci sono:

1: INNOVARE (non inventare)
Prendere qualcosa che esiste e farla meglio è un processo più veloce e redditizio che inventare qualcosa dal nulla. I migliori imprenditori innovatori al mondo spesso hanno avuto “solo” il merito di vedere un’opportunità dove gli altri vedevano problemi.

2: USARE IL TEMPO PER MIGLIORARSI
Non esiste uomo o donna di successo al mondo che non passi una parte importante del suo tempo a leggere, studiare e formarsi in tutti i modi possibili: argomenti tecnici legati al loro lavoro ma soprattutto capacità personali e relazionali che fanno entrare queste persone all’interno di network di altissimo valore.

3: NON ASCOLTARE IL GIUDIZIO ALTRUI
Quando hanno un’idea che li convince, cambiano passo, accelerano alla ricerca di tutto ciò che li può condurre alla realizzazione del loro sogno. Parlano con tutti, ascoltano tutti, ma poi quando decidono di partire non c’è più niente che li ferma. Non hanno più limiti, sviluppano un’energia interminabile che li protegge da ogni critica, commento, errore, piccolo o grande fallimento. Sono capaci di buttare via tutto e ricominciare un milione di volte fin a trasformare un’idea in realtà.

Sanno che per riuscire in qualcosa bisogna provarci sapendo che non ci sono garanzie ed è proprio questa la più profonda differenza tra chi crea il futuro e chi lo subisce.

Questo blog lo stai leggendo da un PC, da uno smartphone o su una tavoletta di pietra scolpita?

Ezio Angelozzi

Business & Life Coach

[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=”][/av_social_share]

[/av_two_third][av_one_third min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_sidebar widget_area=’myWidget’]
[/av_one_third]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *