[av_two_third first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
A proposito di curriculum e calcetto
[/av_textblock]

[av_gallery ids=’1962,1960,1961,1959′ style=’thumbnails’ preview_size=’portfolio’ crop_big_preview_thumbnail=’avia-gallery-big-crop-thumb’ thumb_size=’portfolio’ columns=’5′ imagelink=’lightbox’ lazyload=’avia_lazyload’]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Cosa ci fa un curriculum su un pallone da calcetto?

(clicca sulle immagini per vedere la galleria)

A proposito della polemica, innescata dalle parole del ministro Poletti, sul curriculum vs calcetto (rileggila QUI), ci è tornato in mente quello che ci è successo durante un corso di ricollocamento occupazionale che abbiamo tenuto lo scorso anno.

Mai avremmo potuto immaginare che una tale coincidenza potesse verificarsi. Pensavamo di essere gli unici, finora, ad aver trovato nella stessa situazione un pallone e un curriculum. Anzi, un curriculum-pallone.

Quello rappresenta l’altra faccia del dibattito che cerca di stabilire se sia meglio tessere relazioni o portare curricula in giro per aziende. Abbiamo già detto che la prima opzione è la vincente, ma abbiamo anche detto che, per far valere la seconda, c’è bisogno di possedere un curriculum valido.

Ora aggiungiamo che è anche fondamentale saper presentare un curriculum, e qui torna la storia del pallone.

Nel corso di cui dicevamo, dopo aver insegnato come si redige un c.v., come si accompagna con una lettera di presentazione efficace, come si realizza un video-curriculum vincente e come si affronta alla grande un colloquio di lavoro, abbiamo anche spiegato la necessità di produrre un curriculum creativo.

Gli archivi sono pieni di fogli fotocopiati male, con una fototessera in bianco e nero in alto a sinistra, puntualmente vecchia di qualche anno; le caselle mail sono intasate di messaggi che riportano tutti lo stesso oggetto: “C.V. Nome+Cognome”. In entrambi casi, il loro destino è il cestino, senza passare sulla scrivania di nessuno.

Mettetevi, invece, nei panni del titolare di un centro sportivo che si vede arrivare, con la posta del giorno, una scatola e, quando la apre, si ritrova tra le mani un pallone. Poi guarda meglio e su ogni toppa esagonale che lo compone ci sono scritti i dati personali, le esperienze professionali e le skills di una ragazza che si candida a lavorare per lui. Quantomeno per curiosità, non chiamereste quel numero di telefono impresso sulla palla?

A noi è successo quando a quella ragazza, che partecipava al corso che abbiamo tenuto per l’Erfap Lazio, abbiamo prima spiegato e poi chiesto di portarci un curriculum creativo.

Vi chiederete a che serve? Cliccate QUI e chiedetelo a lui che ha partecipato allo stesso corso.

Come abbiamo fatto? 

Semplice: basta sapere cosa evitare e cosa fare, per cui ecco 6 brevi consigli per aumentare le proprie possibilità di successo.

Tre cose da evitare

  1. Evita di inviare un curriculum generico, in formato standard, contenente tutte le cose che hai fatto nella vita: se scrivi a un’azienda che fa software, perché dovrebbe interessargli che hai fatto il cameriere in pizzeria?
  2. Evita di inviare il curriculum via e-mail a un indirizzo generico a qualcuno di cui non sai il nome: “alla c.a. del capo del personale”.
  3. Evita di portare il curriculum e lasciarlo al primo che incontri: se cerchi lavoro come commessa in un negozio e lasci il curriculum a una commessa di quel negozio, quante possibilità credi di avere?

Cose da fare assolutamente

  1. Costruisci un curriculum “su misura” per l’azienda a cui ti interessi: se si apre una posizione per un addetto alle vendite, prova a vendergli il curriculum confezionandolo in un pacco elegantissimo e con un contrassegno di 1 euro!!!
  2. Attira l’attenzione e dimostra di avere personalità: una ragazza che ha frequentato un nostro corso ha scritto il suo curriculum su un pallone di cuoio giallo; è diventato in pochi minuti l’argomento del giorno, si parlava solo di lei e gli altri sono letteralmente spariti.
  3. Impara a convincere: qualunque cosa tu sappia fare, anche se lo sai fare da Dio, dovrai comunque “venderlo” a qualcuno. Devi trovare la risposta alla domanda “Perché proprio te?”, e devi imparare ad essere convincente, imbattibile!!!

Le opportunità non te le portano a casa, devi andare a prendertele dove sono!

[/av_textblock]

[av_hr class=’default’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′]

[av_contact email=’contatti@trasforma.net’ title=’Vuoi saperne di più? SCRIVICI, ti daremo tutte le informazioni di cui hai bisogno’ button=’INVIA’ on_send=” sent=’Risponderemo presto alle tue richieste, intanto abbiamo appena inviato un’email all’indirizzo da te inserito.

Controlla la tua posta per ottenere un nosto regalo di benvenuto!

Verifica che il messaggio non sia finito nella cartella Spam o in quella delle Promozioni.

Un saluto dal team della Trasforma Academy’ link=’manually,http://’ subject=’blog: curriculum’ autorespond=’Eccoci,
Ti ringraziamo per averci contattato, a breve ti daremo le risposte che cerchi, intanto vogliamo accoglierti nella Trasforma Academy con alcuni nostri materiali gratuiti: sono il nostro regalo di benvenuto per te!
CLICCA QUI per ricevere il videocorso “IL METODO TRASFORMA”
oppure
CLICCA QUI per ricevere il report “IL CODICE DELL’INTENSITÀ”

Buona visione, buona lettura…. BUONA TRASFORMAZIONE
Un saluto,
Il team della Trasforma Academy

===============
www.trasforma.net
===============
==============================================================================================================
Ci impegniamo ad inviare sempre mail utili e di valore, ma se per qualsiasi ragione non vuoi più ricevere i nostri materiali o le nostre comunicazioni, nessun problema, puoi comunicarcelo all’indirizzo contatti@trasforma.net per essere rimosso dalla nostra lista e non ricevere più email.
=============================================================================================================
‘ captcha=” hide_labels=’aviaTBhide_labels’ form_align=” color=”]
[av_contact_field label=’Nome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cognome’ type=’text’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’E-Mail’ type=’text’ check=’is_email’ options=” multi_select=” width=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Cosa vuoi sapere?’ type=’textarea’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[av_contact_field label=’Dichiaro di aver letto l‘informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali’ type=’checkbox’ options=” check=’is_empty’ width=” multi_select=”][/av_contact_field]
[/av_contact]

[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=” share_facebook=” share_twitter=” share_pinterest=” share_gplus=” share_reddit=” share_linkedin=” share_tumblr=” share_vk=” share_mail=”][/av_social_share]

[/av_two_third][av_one_third min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_sidebar widget_area=’myWidget’]
[/av_one_third]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *